U P E G A

( pga )

 

di Carlo e Luisa Lanteri

 

 

Posizione

 

Situata alla confluenza dei torrenti Negrone, Corvo e ng, circondata da boschi, Upega, a 1290 metri di altitudine sul livello del mare, si trova nella Valle del Negrone (Alta Val Tanaro). All'abitato si giunge dopo aver percorso lo spettacolare orrido delle "Fascette" scavato dal torrente Negrone; essendo il vallone di natura carsica, numerose sono le grotte che lo costellano; il fenomeno pi singolare per costituito da una voragine visibile ("Garb dr butau") nella quale il torrente viene inghiottito per riemergere un centinaio di metri pi a valle. Numerose sono anche le sorgenti alimentate dalle piogge e dallo scioglimento della neve; la pi notevole rappresentata dalla "Fu" che, specie in primavera, assume l'aspetto di una spettacolare cascata.

Altro sito di straordinario interesse naturalistico la Foresta delle Navette gi nota anticamente per la qualit del suo legname. 


Dati amministrativi

 

Fino al 1947 stata frazione del Comune di Briga Marittima. Oggi, insieme a Piaggia e Carnino, frazione del Comune di Briga Alta, in provincia di Cuneo, Regione Piemonte.


Abitanti

 

Allinizio del Novecento, Upega contava circa 400 abitanti, in parte residenti stabili (agricoltori e artigiani), in parte lavoratori stagionali in Liguria e sulla Costa Azzurra e in parte pastori. Oggi, dato il forte spopolamento, gli Upeghesi (pghe in Brigasco) che vi risiedono tutto l'anno sono ridotti a poche unit; in estate il paese si ripopola grazie alla presenza di numerosi proprietari di seconde case o di famiglie originarie del luogo.


Origini

 

L'etimologia del toponimo "Upega" non chiara: alcuni gli attribuiscono il significato di "non esposto al sole", ricollegandolo ai toponimi liguri delle aree viciniori come "Ubaga" e "Ubaghetta", in Valle Arroscia. Altri lo vorrebbero derivato dal greco o da una radice prelatina indicante un luogo "posto in alto". Neppure l'epoca di fondazione del paese nota. Certamente si tratta di una fondazione dovuta agli spostamenti degli abitanti di Briga per ragioni legate al pascolo e all' agricoltura (nei documenti antichi sempre detta "masaggio", cio frazione, insediamento, di Briga). Un'antica tradizione vuole che una donna del capoluogo abbia voluto restare da sola sul posto quando, in autunno, gli altri Brigaschi ritornavano alle loro case, dando cos origine all'insediamento stabile di Upega. La stessa tradizione indica anche la prima costruzione dell'abitato (se ne scorgono ancora i resti in localit "Maṡachn ", circa un chilometro a monte del centro odierno). In documenti del Seicento si parla di abitazioni ma non dato sapere se si trattasse di dimore stagionali o permanenti. Dalla tipologia costruttiva delle abitazioni sembra di poter evincere che la stragrande maggioranza di queste non risalga ad un periodo anteriore all'Ottocento, mentre un edificio al centro del paese (detto "A c dr frn " - la casa del forno -) sembra possedere caratteristiche che consentono di datarlo ad epoca anteriore (secoli XVII-XVIII). E' dunque possibile pensare ad un primitivo nucleo abitativo, pi ristretto, che si andato ampliando progressivamente, raggiungendo le dimensioni attuali nel corso dell'Ottocento (periodo in cui si toccata la punta demografica pi alta).

 

Tipologia dell'abitato

 

Il paese attuale si presentava fino ad una trentina di anni fa come un agglomerato compatto di case a pi piani (fino a cinque), caratterizzate da balconate in legno di varia tipologia ("punti ") e da coperture ad una falda in lastre di pietra scistosa locale ("cipe"). Al margine superiore dell'abitato era disposta una serie di edifici, con il tetto a due falde, con la parte bassa realizzata in pietra a vista e quella superiore in tavole di legno, adibiti a fienile ed aia, per la conservazione del fieno e la trebbiatura dei cereali ("fnre" e "ire"). Ristrutturazioni non del tutto rispettose della tradizione locale hanno purtroppo alterato questo impianto caratteristico ed alcune costruzioni realizzate ex novo, totalmente avulse dal contesto e di enorme impatto visivo, imprimono una ferita inesorabile al tessuto abitativo tradizionale. Fortunatamente resiste ancora abbastanza nell'uso l'impiego del legno per gli infissi e per le balconate, mentre le lastre di pietra per le coperture hanno definitivamente ceduto il passo alla lamiera, certo anche pi pratica e leggera.

Nonostante le deturpazioni, l'agglomerato urbano conserva un'impronta caratteristica, specie per le numerose case in pietra a vista e dall'altezza considerevole, con le facciate occupate da balconate in legno, sovrapposte fino a cinque livelli.

L'abitato diviso in due zone, una superiore ("I surn") e una inferiore ("I sutn"). In ognuna di esse presente una struttura porticata, ricavata in uno o pi edifici allineati, che sembra costituire il relitto dell'impianto abitativo pi antico e che, nella tradizione orale degli anziani, doveva costituire la tipologia da attuare per tutta la lunghezza dell'abitato, tipologia in seguito abbandonata per cause non note.

 

Da vedere

 

La Chiesa Parrocchiale, dedicata a Sant'Anna, risale presumibilmente alla met del secolo XVIII. Essa ha sostituito una pi antica cappella, ubicata dietro l'attuale casa canonica, adibita a cimitero comune fino alla seconda met dell'Ottocento e in seguito distrutta.

La "C dr frn", l'edificio di cui si detto pi sopra, che ospita sotto i suoi porticati il forno comune, oggi in disuso. Nella parte alta del paese si conserva un secondo forno, usato in passato in sostituzione dell'altro, pi grande, quando quello doveva essere sottoposto a lavori di riparazione.

La Fontana della Chiesa, interessante esempio di fontana comune con una struttura a tre nicchie simmetriche che alimenta il vicino lavatoio;

lungo le mulattiere che percorrevano un tempo la campagna, si trovano ancora alcune edicole sacre -"piln"- , che meriterebbero un  restauro. 

Il mulino comune, ubicato nella parte bassa dell'abitato, presenta un esterno parzialmente modificato dalla nuova copertura ma conserva integro l'interno, con il soppalco che ospita l'impianto di molitura, nonch la ruota di legno mossa anticamente dall'acqua che costituisce un "unicum"  nella zona: si tratta infatti di un tipo di ruota arcaica, orizzontale, con le pale costituite da ceppi di legno scavati.

Poco pi a valle del mulino, alimentata un tempo dallo stesso corso d'acqua che forniva energia idraulica, si trovava una segheria i cui ruderi sono ancora visibili; accanto ad essi, bench irriconoscibili per l'adattamento a centrale idroelettrica che aveva interessato questo edificio, sono pure visibili i resti di un antico follatoio ("parau").

Intorno al paese si scorgono i terrazzamenti che fino agli anni Cinquanta del secolo scorso venivano coltivati a grano, avena, segale, orzo e lenticchie. Addossate alle scarpate erbose si trovano, di solito ben conservate, molte caratteristiche "caṡte", piccole costruzioni di tipo arcaico in pietra a secco, utilizzate in passato come riparo in caso di maltempo e come ricovero per gli attrezzi agricoli.

Nei dintorni, al limitare della Foresta delle Navette, vale la pena visitare i ruderi dell'insediamento pastorale della "Madonna della Neve" con la caratteristica chiesetta e le "slle" per la conservazione dei prodotti caseari. Il sito, frequentato gi nel Medioevo dai pastori transumanti di Montegrosso Pian Latte (Im), appartiene tuttora al Comune ligure ed stato abitato stagionalmente fino ad anni recenti.

 

Associazioni , attivit, manifestazioni,  feste

 

Ad Upega  attiva una Pro Loco che promuove  varie manifestazioni, prevalentemente durante la stagione estiva. 

In paese si trovano il B&B "Il Larice", il Rifugio "La porta del sole" ed il Campeggio "Bertrand". E' possibile praticare la pesca, attivit escursionistiche (molti dei percorsi sono provvisti di adeguata segnaletica) e lo sci di fondo.

La festa patronale di Sant'Anna ricorre il 26 Luglio; la festa del compatrono, San Rocco, il 16 Agosto.

Ogni cinque anni, la prima Domenica di Settembre, il paese ospita "R' ncontr n Tra Brigaca", festa annuale dei Brigaschi promossa ed organizzata dall'Associazione "A Vatra".

 

Prodotti locali

 

Miele, burro, formaggi e prodotti caseari in genere.